Apre presso il Tribunale di Lodi uno sportello AdS

 

Da mercoledì 2 luglio 2014 è attivo presso il Tribunale di Lodi lo Sportello Informativo ADS – Amministratori di Sostegno. La sua attivazione fa seguito all'accordo intervenuto fra il Gruppo Intesa ed il Presidente del Tribunale di Lodi che, al fine di facilitare coloro che si rivolgono al Tribunale per attivare la pratica di riconoscimento della figura dell'Amministratore di Sostegno, hanno deciso di istituire uno Sportello appositamente dedicato a queste esigenze al fine di facilitare l'espletamento delle pratiche connesse.

Il Gruppo Intesa aveva già sottoscritto in data 10 giugno 2013 una "Convenzione per lo svolgimento di attività di volontariato presso l'Ufficio del Giudice Tutelare e la Cancelleria dellaVolontaria Giurisdizione del Tribunale di Lodi", in base alla quale era stato assunto l'impegno di mettere a disposizione propri volontari per il supporto dell'attività del Tribunale in questo ambito. 
Dallo scorso anno è operante una volontaria che affianca il Giudice Tutelare nell'espletamento delle sue funzioni, a cui, in base a questo ulteriore accordo, si sono aggiunti altri tre volontari, di cui una impegnata nell'attività di sportello, e due nell'attività della Cancelleria del Tribunale.

Il compito dello Sportello consiste nel:

a) fornire informazioni ed assistenza relativamente alla presentazione di ricorsi per la nomina di Amministratori di Sostegno e per gli altri documenti del procedimento;

b) agevolare il contatto dell'utenza con la Cancelleria della Volontaria Giurisdizione in ordine agli atti da depositare nell'ambito dei procedimenti dell'ADS anche mediante consegna della modulistica in uso.

Lo Sportello è aperto settimanalmente nella giornata del mercoledì dalle ore 14,30 alle ore 16,30 ed e collocato al piano terra subito all'ingresso del Tribunale.

La sperimentazione di questo servizio avrà la durata di un anno, ed il suo funzionamento verrà monitorato trimestralmente.

 
 

 

La rete di Lodi si presenta nel Foglio Informativo

 

La rete “AdS del Lodigiano - L’AdS per le figure deboli del territorio” si presenta nel Foglio Informativo 5/2014.

Incontreremo Giancarlo, AdS Volontario e scopriremo di più dell'esperienza lodigiana sull'Amministrazione di Sostegno.

Per continuare a leggere scarica il Foglio Informativo 5/2014


Nel Foglio Informativo n. 5/2014:

  • Editoriale: Equo indennizzo: qualche considerazione iniziale di Sebastiano Di Guardo per il Coordinamento Regionale
  • Come supportare gli AdS nominati: un aiuto a 360° di Daniela Piglia, Rete AdS di Milano
  • Una delle nostre reti... Territorio di Lodi
  • Incontriamo un Volontario della Rete di Lodi, Giancarlo
  • Cosa c'è stato... cosa ci sarà
 
 

 

Partono gli incontri per istituire gli sportelli informativi

Il Gruppo Intesa Associazioni Disabili della Provincia di Lodi, capofila della Rete AdS, ha avviato una serie di incontri con le proprie associazioni aderenti e presenti nei Comuni del territorio per istituire degli sportelli informativi sulla figura dell'Amministratore di Sostegno. 

La finalità del percorso è quella di fare in modo che ogni associazione sia in grado di fornire, a chi la richiede, una informazione minima sul carattere della figura dell'AdS, le ragioni per cui è opportuno attivarla, il percorso da seguire per ottenerla e i soggetti a cui rivolgersi per potere avere sostegno nel percorso.

Ciò viene svolto in coerenza con il protocollo sottoscritto con l'ASL in attuazione delle Linee Guida di Regione Lombardia, che assegna alle Associazioni di Volontariato, fra le altre, funzioni di carattere informativo verso chi ha bisogno di attivare un Amministratore di Sostegno.


Questo il calendario degli incontri programmati:

  1. Sant'Angelo Lodigiano venerdì 9 maggio ore 21 presso Sala Girona in via Partigiani in collaborazione con Associazione Genitori e Amici dei Disabili
  2. Codogno mercoledì 14 maggio ore 21,00 presso Ospedale Soave in collaborazione con Gruppo Volontari Amicizia
  3. Tavazzano giovedì 29 maggio ore 21 presso Sala Conferenze del Comune in collaborazione con Associazione Pro Handicappati
  4. Casalpusterlengo venerdì 6 giugno ore 21 presso Sala Ex Biblioteca via Galilei 1 in collaborazione con Associazione Disabili Insieme
  5. Lodi venerdì 13giugno ore 21 presso Centro Anziani in collaborazione con ALAH, Aiutiamoli, Sport Insieme e Genitori Tosti
  6. S.Colombano al Lambro mercoledì 11 giugno ore 21 presso Cantinone - Castello di San Colombano in collaborazione con Gruppo Volontari Diversamente Abili
  7. Lodi Vecchio martedì 24 giugno alle ore 18,00 presso la Sede dell'Associazione in collaborazione con Libera Associazione Pro Handicappati
  8. Crespiatica venerdì 27 giugno ore 21 presso sala consigliare in collaborazione con Associazione Amici degli Handicappati
 
 

 

Notizie dal Progetto ADS di Lodi

Nei mesi scorsi si è realizzato un tavolo di confronto, promosso dall'ASL, a cui ha partecipato anche l'Azienda Ospedaliera, la Provincia ed il Comune di Lodi, il Tavolo Unificato del Terzo Settore, oltre al Gruppo Intesa Associazioni Disabili, capofila del Progetto ADS, con l'obiettivo di "attivare una rete partecipata di soggetti del territorio impegnati a garantire il diritto di accesso alla protezione giuridica di ogni soggetto fragile...".

Il percorso realizzato è servito a mettere a fuoco competenze e funzioni di ogni soggetto partecipante al tavolo, per valorizzare al meglio le singole competenze. 
I soggetti che con il Gruppo Intesa stanno proseguendo nella implementazione del progetto sul territorio della nostra Provincia stanno proseguendo la propria attività in modo da rafforzare la funzione di informazione-formazione e supporto agli Amministratori già operanti nel territorio.

  • Informazione-formazione: implementazione di una rete di sportelli informativi diffusi nel territorio basati sulle associazioni locali di Gruppo Intesa ed Auser, che hanno una diffusione territoriale sufficientemente capillare; per realizzare questo obiettivo verrà attivato un percorso formativo per fornire ai soggetti locali gli strumenti indispensabili per svolgere la funzione di sportello così individuata. Nel mese di maggio e giugno è già stato definito un primo percorso formativo per le associazioni che fanno capo al Gruppo Intesa Associazioni Disabili.
  • Supporto alla rete degli amministratori già operanti sul territorio. Nel primo triennio di attivazione del Progetto, è stato realizzato un momento di coordinamento degli ADS che ha svolto la funzione di momento di confronto per mettere in evidenza e discutere situazioni problematiche e problemi connessi allo svolgimento dell'attività di Amministratore di Sostegno. E' una funzione giudicata particolarmente utile per cui resta confermata la volontà di mantenere tale momento di coordinamento e confronto, recuperando in questo momento gli ADS che di volta in volta si sono aggiunti, proprio sulla base dell'attività sviluppata nel corso del Progetto.
  • Il rapporto con il Tribunale. Nel giugno dello scorso anno è stata sottoscritta una "Convenzione per lo svolgimento di attività di volontariato presso l'ufficio del Giudice Tutelare e la Cancelleria della Volontaria Giurisdizione del Tribunale di Lodi" con cui il Gruppo Intesa si è impegnato a mettere a disposizione dei volontari per facilitare lo smaltimento delle pratiche connesse all'attività dei giudici tutelari. Una volontaria, laureata in giurisprudenza, ha cominciato il proprio volontariato già dallo scorso anno, mentre altre due volontarie hanno iniziato a prestare la propria opera dal febbraio 2014. Recentemente in un incontro con il Presidente della Sezione Civile del Tribunale, abbiamo chiesto che si possa attivare una corsia preferenziale per la presentazione delle pratiche connesse alla funzione di Amministratore di Sostegno, per fare in modo che chi si rivolge alla Cancelleria del Tribunale non debba sopportare le lungaggini che derivano dal complesso dell'attività.

 

 
 

 

Dalla rete di Lodi – Nuovi orizzonti per il Progetto ADS

Sei Associazioni del Lodigiano hanno deciso di mettersi in rete sottoscrivendo un protocollo di intesa. Sono Il Gruppo Intesa Associazioni Disabili, che resta capofila del progetto, La Cooperativa Sociale Il Mosaico Servizi, l'Associazione Comunità Il Gabbiano Onlus, la Fondazione Danelli, Auser Lodigiano ed il Lausvol – Centro Servizi per il volontariato. 

Il loro fare rete è finalizzato prima di tutto a fare in modo che si possano estendere sul territorio i punti di informazione e di prossimità a cui si possa rivolgere chiunque voglia saperne di più su questa figura.

Al fine di dare continuità a prosecuzione al Progetto che, nel corso del 2011 e 2012, ha portato nella Provincia di Lodi un dato di conoscenza sulle potenzialità di questa figura a sostegno delle persone fragili, 6 Associazioni del Lodigiano hanno deciso di mettersi in rete sottoscrivendo unprotocollo di intesa. Sono Il Gruppo Intesa Associazioni Disabili, che resta capofila del progetto, La Cooperativa Sociale Il Mosaico Servizi, l'Associazione Comunità Il Gabbiano Onlus, la Fondazione Danelli, Auser Lodigiano ed il Lausvol - Centro Servizi per il volontariato. 
Il loro fare rete è finalizzato prima di tutto a fare in modo che si possano estendere sul territorio i punti di informazione e di prossimità a cui si possa rivolgere chiunque voglia saperne di più su questa figura. Inoltre intendono essere interlocutori su questo tema con i livelli istituzionali (ASL e Ufficio di Piano) che, a diverso titolo, sono chiamati a farsi carico di questo problema. Le linee guida emanate dalla Regione Lombardia richiamano ad un ruolo specifico che ASL deve giocare per fare in modo che vengano sviluppate tutte le potenzialità presenti sul territorio. A questo proposito il 16 ottobre è stato costituito presso l'ASL di Lodi un Gruppo di lavoro incaricato di presiedere all'attuazione delle linee guida della Regione. 
Fatto estremamente importante è stata inoltre la firma con il Tribunale di Lodi, da parte del Gruppo Intesa, di un protocollo di intesa con il Tribunale volto a favorire lo sviluppo di un rapporto più fluido fra coloro che presentano pratiche di tutela e gli Uffici del Tribunale. Il protocollo ha avuto una immediata conseguenza operativa in quanto il progetto ADS ha messo a disposizione del tribunale un giovane avvocato volontario per interloquire con gli stessi giudici tutelari.
Stiamo operando al fine di intercettare altre figure volontarie da inserire presso la Cancelleria della Volontaria Giurisdizione del locale tribunale sempre al fine di agevolare l'accesso del cittadino.
Parallelamente continuiamo a lavorare con gli Ads già operativi e non che hanno dato la disponibilità a ricoprire il ruolo: li raggruppiamo e stimoliamo il confronto e l'apprendimento dalle esperienze che i singoli membri riportano nel gruppo. Ciò è di grande stimolo sia per chi è già Ads sia per coloro i quali aspirano a diventarlo, e da nuova linfa a chi deve pensare e strutturare le azioni progettuali.

 

 
 

 

Iscrizione Newsletter